Art o’clock | Artisti alla Torre dell’orologio

Iniziativa promossa da Capitolium Soc. Coop. e patrocinata dal Comune di Vicopisano

La Torre dell’orologio di Vicopisano si trasforma in un originale spazio espositivo, in cui medioevo e arte contemporanea si incontrano, alla scoperta degli artisti del territorio.

L’ingresso alla mostre sarà incluso nel biglietto della Torre, prenotabile a questa pagina (€3,00 intero /€2,00 residenti)

HORVAC | dal 9 al 25 luglio 2021

HORVAC un progetto doodle in horror vacui di Alessandro Cariboni

Cinzia Mazzoni | 19-20 e 16-27 giugno 2021

L’illustratrice livornese Cinzia Mazzoni inaugura con una mostra personale la serie di eventi che ci accompagneranno nel corso dell’anno.

Inaugurazione della Torre dell’Orologio di Vicopisano

Torre dell’Orologio di Vicopisano (PI)

APPUNTAMENTI

Giovedì 8 Ottobre 2020, ore 11:30
Conferenza stampa e presentazione in anteprima della Torre, grazie alla collaborazione del Comune di Vicopisano

Sabato 10 Ottobre 2020, ore 11:30
Inaugurazione della Torre e accesso in esclusiva per coloro che hanno contributo al restauro partecipando al crowdfunding basato sulla misura Art Bonus del MiBACT

Da Domenica 11 Ottobre ore 10:00
Apertura al pubblico, prenotazione obbligatoria qui

STORIA

La Torre dell’Orologio di Vicopisano, la cui creazione è databile tra gli inizi e la metà del XII secolo, è collocata su una delle vie principali del borgo di Vicopisano.

Costruita interamente in verrucano, salvo alcuni metri della parte sommitale, frutto di interventi susseguitisi a partire dal XVI sec, è caratterizzata da un gran numero di mensole che nel medioevo sorreggevano le strutture lignee (sporti) addossate all’esterno della stessa. Sono ancora ben visibili i portalini con arco ogivale che davano accesso agli sporti stessi.

La torre è conservata per un altezza di circa 27 m ed ha un aspetto slanciato conferitole dalla pianta irregolare (3.8×5.6 m.). Da alcuni particolari costruttivi ed iconografici la torre è associabile per periodo di costruzione al Palazzo Pretorio. Quando la torre perse la sua originaria funzione, fu riutilizzata come torre campanaria proprio per la sua notevole altezza. L’orologio conservato sul lato Ovest ha ancora i meccanismi del XVIII sec. ma è documentato sin dal XVI secolo.